InquinamentoNotizie MondoSalute del pianeta

Stati Uniti, un diluvio di plastica: primo produttore di rifiuti al mondo. I dati

Secondo un rapporto della National Academy of Sciences, complessivamente nel 2016 gli Stati Uniti hanno prodotto quasi il doppio di rifiuti di plastica della Cina e più di tutta l'Unione Europea messa insieme

Gli Stati Uniti, insieme alla Cina, sono il principale emettitore di gas serra al mondo. Adesso, secondo un recente studio della National Academy of Sciences, si classificano anche come il contributore numero uno al mondo di rifiuti di plastica. Un problema che per essere risolto ha bisogno di una strategia nazionale, sottolinea il rapporto. “La crescente crisi dei rifiuti di plastica è in corso da decenni“, ha affermato lo studio della National Academy of Sciences, rilevando che l’attuale situazione del mondo deriva da anni di progressi tecnologici. “Il successo dell’invenzione miracolosa della plastica del 20° secolo ha anche prodotto un diluvio su scala globale di rifiuti di plastica apparentemente ovunque guardiamo”.

Usa, entro il 2030 la plastica causerà più emissioni di gas serra del carbone

Stati Uniti primo produttore mondiale di rifiuti di plastica: in media circa 130 chilogrammi a persona

Secondo i dati del rapporto, gli Stati Uniti sono dunque il primo produttore mondiale di rifiuti di plastica, con una media di circa 130 chilogrammi a persona. Complessivamente, nel 2016, hanno prodotto 42 milioni di tonnellate, quasi il doppio della Cina e più dell’intera Unione europea messa insieme.

I ricercatori hanno stimato che tra 1,13 milioni e 2,24 milioni di tonnellate di rifiuti di plastica negli Stati Uniti si disperdono nell’ambiente ogni anno. Circa 8 milioni di tonnellate di plastica all’anno finiscono nell’oceano e, con l’attuale traiettoria, quel numero potrebbe salire a 53 milioni entro il 2030. Quella quantità di rifiuti sarebbe equivalente a “circa la metà del peso totale del pesce pescato annualmente nell’oceano”, afferma il rapporto.

Questo rapporto è un promemoria che fa riflettere sulla portata di questo problema“, ha affermato in una nota il senatore statunitense Dan Sullivan. “La ricerca e i risultati qui raccolti dai nostri migliori scienziati serviranno da trampolino di lancio per i nostri futuri sforzi legislativi per affrontare questa sfida ambientale interamente risolvibile e proteggere meglio i nostri ecosistemi marini, la pesca e le economie costiere”.

Potrebbero interessarti:

IKEA annuncia l’addio (graduale) alla plastica dagli imballaggi entro il 2028

Le sneakers sostenibili realizzate dai sacchetti di plastica riciclati

Gli ultimi aggiornamenti:

Transizione ecologica, presentate al Governo le proposte di Confindustria e sindacati

Prima l’alluvione poi una invasione di scorpioni: evento eccezionale in Egitto

L’Europa torna al nucleare per rispettare le scadenze climatiche? La situazione

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie