EsteroPoliticheSalute del pianeta

Emissioni, l’1% ricco del mondo emette il doppio della metà più povera

L'era della disuguaglianza climatica passa anche dalle emissioni di anidride carbonica

L’1% dei Paesi del mondo, i più ricchi, emette il doppio rispetto alla metà più povera. Lo rivela una recente ricerca di Oxfam e del Stockholm Environment Institute. Tra il 1990 e il 2015 le emissioni provenienti dall’1% dei paesi ricchi del mondo sono state due volte più elevate di quelle provenienti dalla metà più povera del Mondo.  Le emissioni di anidride carbonica in questi 25 anni sono cresciute del 60%, ma l’aumento non è stato uguale dappertutto: l’aumento delle emissioni dei paesi più ricchi, l’1% del totale, è stato tre volte più grande rispetto a quello della metà povera del mondo.

Il “dinosauro” della diseguaglianza della crescita delle emissioni a seconda della ricchezza. Fonte The Carbon Inequality Era – Oxfam – Stockholm Environment Institute

Insomma, il consumismo e la dipendenza da mezzi di trasporti ad alte emissioni stanno esaurendo il carbon budget della Terra, ossia la quantità di CO2 che possiamo emettere prima di raggiungere il punto di non ritorno. Il 10% più ricco della popolazione mondiale, che comprende 630 milioni di persone, è stato responsabile del 52% delle emissioni globali nei 25 anni presi in analisi. Ma chi sono questi ricchi? Questo 10% della popolazione globale comprende chi guadagna più di 35.000 dollari ogni anno, mentre l’1% della popolazione guadagna più di 100.000 dollari l’anno.

Geograficamente il 10% ricco del Pianeta è costituito da Nord America che emette il 16%, dall’Europa che emette l’8.5%, dalla Cina con il 7.3%, dall’Asia con il 4.7%, dal Medio oriente e nord Africa con il 4.5% e dalla Russia con il 2.6%.

E’ tutto nelle nostre mani, nelle mani dei Paesi più ricchi. «Ciò significa – spiega Tim Gore, capo ricercatore della Oxfam International – che oltre ad aver portato il mondo sull’orlo di una catastrofe climatica, abbiamo anche fallito nell’impresa di migliorare la vita a milioni di persone. Il carbon budget globale è stato sprecato per permettere ai Paesi già ricchi di aumentare i consumi, invece che essere destinato a far progredire l’umanità. Nell’atmosfera può finire solo una certa quantità di anidride carbonica se vogliamo evitare gli effetti peggiori della crisi climatica – ha dichiarato al Guardian-. Dobbiamo assicurarci che questa quantità venga usata nel migliore dei modi».

Leggi anche:

Green Deal, l’Europa alza il tiro: obiettivi più ambiziosi sul taglio delle emissioni. Può bastare?

La sigaretta inquina l’aria. Dalla produzione al consumo emissioni di un’intera nazione

Coronavirus: dopo il crollo delle emissioni di CO2 si rischia l’effetto boomerang

 

Tags

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati