SpazioVideo

Per la prima volta possiamo vedere come un buco nero divora una stella [VIDEO]

Gli scienziati hanno registrato per la prima volta la morte di una stella risucchiata da un buco nero e la cosiddetta "spaghettificazione": ecco di cosa si tratta

Un team di astronomi ha osservato per la prima volta il modo in cui un buco nero ha divorato una stella che era passata troppo vicino. La scoperta, sensazionale, è stata resa possibile da osservazioni condotte sia da terra che dallo spazio, con il Very Large Telescope e il New Technology Telescope dell’Osservatorio Europeo Meridionale (Eso), i telescopi della rete globale Osservatorio Las Cumbres e il satellite Swift della Nasa.
Gli strumenti hanno catturato il fenomeno, molto raro, dell’esplosione emessa dalla stella che veniva risucchiata da un buco nero supermassivo.

La morte della stella si è verificata a 215 milioni di anni luce, in una galassia nella costellazione dell’Eridano: questo fenomeno si verifica quando una stella, passando troppo vicina a un buco nero, viene distrutta dalla sua estrema attrazione gravitazionale. In questi casi si assiste a un processo che gli scienziati hanno chiamato “spaghettificazione“: il buco nero distrugge la stella riducendola in sottili flussi di materia. Si vede bene nell’animazione pubblicata dall’Eso:

Leggi anche:

In Europa edifici a rischio a causa dei cambiamenti climatici

L’Europa promuove le 100 città climaticamente neutrali

«Vota per salvare la natura», crisi climatica al centro delle presidenziali USA [VIDEO]

Le ultime notizie da IconaMeteo:

Meteo più stabile, ma con il rischio di pioviggini e nebbia: ecco dove

California avvolta nel fumo degli incendi: ordinate evacuazioni

La sabbia del Sahara sta per raggiungere l’Italia: le zone coinvolte

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati

Back to top button