ProgettiSostenibilità

Milano-Cortina 2026, la sostenibilità al centro del Villaggio Olimpico

Inizia a prendere forma il Villaggio Olimpico di Milano-Cortina 2026: l'energia sarà prodotta da fonti rinnovabili, l'acqua piovana verrà raccolta e riutilizzata e si prevede una riduzione delle emissioni del 40%

I Giochi Olimpici Invernali di Milano-Cortina 2026 iniziano a prendere forma. La buona notizia è che la sostenibilità sarà il segno distintivo del Villaggio Olimpico. Il progetto, Sviluppato da COIMA SGR e dai suoi partner in collaborazione con Fondazione Milano-Cortina, Comune di Milano e Regione Lombardia, trasformerà il quartiere di Porta Romana in una comunità urbana sostenibile, offrendo un nuovo modello per gli impianti olimpici. Grazie a innovative caratteristiche di sostenibilità, il villaggio mirerà al minimo impatto ambientale in conformità con i requisiti NZEB (Nearly Zero Energy Building).

Milano-Cortina 2026, il Villaggio Olimpico metterà il verde e la sostenibilità al centro del progetto

Il Villaggio Olimpico prima di tutto è progettato per integrarsi al meglio nel tessuto urbano della città di Milano, con un insieme di verde pubblico, la trasformazione di due strutture storiche e sei nuovi edifici residenziali per gli atleti olimpici. A Giochi invernali finiti, le case degli atleti diventeranno case per studenti. Gli edifici lato parco e ferrovia vicino alla Piazza Olimpica saranno utilizzati per alloggi a prezzi accessibili; e l’Olympic Village Plaza diventerà una piazza di quartiere, con negozi, bar, ristoranti e caffè pianificati a livello della strada, insieme a spazi all’aperto per i mercati degli agricoltori e altri eventi della comunità. «Piuttosto che cessare di essere utile dopo le Olimpiadi, il Villaggio Olimpico di Porta Romana diventerà alla fine un quartiere vivace e autosufficiente costruito attorno ai principi di equità sociale, impegno ambientale, benessere e inclusività», ha affermato Colin Koop, partner di SOM Design.

Una comunità intelligente e sostenibile: raccolta dell’acqua piovana, energia prodotta in loco e riduzione delle emissioni del 40%

Il Villaggio Olimpico di Milano-Cortina 2026 è progettato nello stile di una comunità sostenibile e intelligente, senza dimenticare lo stile architettonico della città. I nuovi edifici saranno infatti costruiti sullo stile degli edifici storici di Milano, con materiali sorprendenti e contemporanei e spettacolari terrazze comuni che fungeranno anche da ponti tra gli edifici, diventando spazi di raccolta distintivi e aule studio all’aperto per studenti. Il verde all’interno delle aree contribuirà alla resilienza climatica del quartiere, creando anche lo spazio per fattorie urbane che consentano la produzione alimentare in loco.

Oltre il 30% dell’energia utilizzata proverrà da fonti rinnovabili, attraverso strategie di raffreddamento passivo, pannelli solari e giardini pensili. L’acqua piovana sarà raccolta in loco e riutilizzata, con una riduzione dell’uso di acqua potabile di oltre il 50% e una riduzione di CO2 del 40% per riscaldamento e raffrescamento. Inoltre, i nuovi edifici massimizzano l’uso di materiali sostenibili, dalla struttura in legno massiccio degli edifici residenziali ai materiali per facciate a basso contenuto di carbonio.

Leggi anche:

Cina, Zhengzhou in ginocchio: è caduta la pioggia di un anno in tre giorni

Il consumo di suolo ci costerà molto caro

Foresta amazzonica, la strada è impervia ma è ancora possibile invertire la rotta

Gli aggiornamenti di IconaMeteo:

Siberia, è EMERGENZA INCENDI: in Jacuzia NON SI RESPIRA

FULMINI, cala il numero di vittime negli Stati Uniti

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button