ApprofondimentiItaliaMeteo

Allerta meteo: come funziona e quali sono i possibili scenari

L'allerta meteo della Protezione Civile presenta diversi livelli di criticità

L’allerta meteo che viene diffusa in caso di condizioni meteorologiche avverse è un avviso istituzionale ufficiale che ha l’obiettivo di prevenire eventuali rischi. Il Dipartimento della Protezione Civile è la struttura che assicura la gestione del sistema di allerta meteo nazionale insieme alle Regioni.

Come funziona

In base alle previsioni delle 24/48 ore successive, viene diramato un bollettino di criticità a livello nazionale. Il bollettino viene diffuso ogni giorno a metà pomeriggio e indica appunto i diversi rischi relativi al maltempo, tra i quali il rischio idrogeologico e idraulico.

Livelli di criticità

Esistono quattro livelli di criticità: Verde (criticità assente), Giallo (ordinaria criticità), Arancione (moderata criticità), Rosso (elevata criticità). Le criticità possono riguardare fenomeni meteorologici o idrologici, vale a dire tutto ciò che deriva dall’azione di torrenti e fiumi. Gli effetti di tali fenomeni possono essere localizzati o diffusi sul territorio.

Qual è la differenza tra rischio idrogeologico e idraulico?

Il rischio idrogeologico corrisponde agli effetti sul territorio causati dal superamento dei livelli pluviometrici critici lungo i versanti, dal superamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua della rete idrografica minore e di smaltimento delle acque piovane. Il rischio idraulico corrisponde agli effetti indotti sul territorio dal superamento dei livelli idrometrici critici (possibili eventi alluvionali) lungo i corsi d’acqua principali.

Allerta meteo Gialla

L’allerta meteo Gialla indica un livello di ordinaria criticità. Viene diramata dalla Protezione Civile in caso di fenomeni meteo localizzati e intensi o diffusi non intensi anche persistenti. I possibili scenari sono:

    • Isolati fenomeni di erosione, frane superficiali, colate rapide detritiche o di fango.
    • Occasionali fenomeni franosi.
    • Limitati fenomeni di alluvionamento.
    • Improvvisi innalzamenti dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua minori come piccoli rii o torrenti.

Di conseguenza è possibile il verificarsi di danni a edifici e infrastrutture interessati da colate rapide o dallo scorrimento superficiale delle acque. Sono possibili anche allagamenti di locali interrati. A causa di forti raffiche di vento o possibili trombe d’aria, si possono verificare danni alle coperture e alle strutture provvisorie; caduta di rami, alberi, segnaletica stradale e conseguenti problemi di viabilità. Occasionale ferimento di persone e possibili perdite di vite umane.

Allerta meteo Arancione

L’allerta meteo Arancione indica un livello di moderata criticità dovuta a fenomeni meteo diffusi, intensi e persistenti. I possibili scenari sono:

    • Diffuse frane superficiali e colate rapide detritiche o di fango.
    • Cadute massi in più punti del territorio.
    • Innalzamento dei livelli idrometrici dei corsi d’acqua con fenomeni di inondazione delle aree limitrofe.

Potrebbero dunque verificarsi allagamenti di centri abitati ed edifici, interruzioni alla viabilità, pericolo per l’incolumità dei cittadini con possibili perdite di vite umane.

Allerta meteo Rossa

L’allerta meteo Rossa si riferisce a un livello di elevata criticità dovuta a fenomeni meteo diffusi, molto intensi e persistenti. I possibili scenari sono:

    • Piene fluviali di ampia portata con conseguente erosione e alluvionamento.
    • Caduta di massi in più punti del territorio.
    • Rottura delle opere arginali.
    • Estesi fenomeni di frane superficiali.

In questo caso i possibili danni aumentano. Si va da importanti ed estesi danni a edifici e infrastrutture fino alla distruzione di centri abitati. Pericolo per l’incolumità dei pubblici cittadini, con l’elevato rischio di feriti e vittime.

Tags

Articoli correlati