IniziativeItalia

Ambiente, nasce l’Osservatorio sulla Sostenibilità: obiettivi e richieste

L'Osservatorio, nato a Firenze, può contare sulla collaborazione di numerose Associazioni e Movimenti ecologisti

La salvaguardia dell’ambiente tra i primi obiettivi del post Coronavirus. Un’emergenza che se da un lato ha messo in evidenza un sistema di sfruttamento del pianeta deleterio, dall’altro ha mostrato al mondo come sia effettivamente possibile rivedere e ripensare alcuni aspetti del tessuto produttivo per guadagnarci in salute.

Leggi anche:

Lockdown in Europa, 11mila decessi evitati in un mese per il calo dell’inquinamento

Con questi e tanti altri presupposti nasce a Firenze l’Osservatorio sulla Sostenibilità, promosso da Associazioni e movimenti ecologisti e di giustizia climatica e sociale. Tra queste anche Legambiente, che ha già avanzato la sua proposta green per la ripresa dell’attività sociale e produttiva. Seguono a ruota WWF, Arci, Greenpeace, Libera e Fridays For Future Italia.

L’Osservatorio – si legge in una nota ufficiale – prende spunto anche dalla campagna “Ritorno al Futuro”, lanciata recentemente proprio da Fridays For Future Italia; ma anche dalla posizione del segretario dell’ONU, Antonio Guterres.

Obiettivi dell’Osservatorio sulla Sostenibilità

L’obiettivo del nuovo Osservatorio sulla Sostenibilità è quello di incentivare e favorire “la cosiddetta transizione ecologica della società, la sua trasformazione in una forma ambientalmente e socialmente sostenibile”. Sarà dunque di fondamentale importanza – sottolinea il comunicato – “monitorare l’operato delle Amministrazioni e di tutti gli stakeholders la cui attività ha incidenza sulla collettività. E di portare avanti proposte concrete per il cambiamento”.

Leggi anche:

Green Economy, l’Italia tra le “tigri” della crescita verde

I punti su cui verterà il lavoro dell’Osservatorio

I punti su cui verterà il lavoro dell’Osservatorio fiorentino saranno in particolare:

    • Mobilità sostenibile
    • Energie rinnovabili e risparmio energetico
    • Commercio a chilometro zero
    • Energia circolare, riduzione dei rifiuti e delle plastiche monouso
    • Beni comuni / Equità / Disuguaglianze
    • Educazione ambientale
    • No grandi opere con forte impatto ambientale

“Nella consapevolezza della gravità della situazione economica, che in particolare colpisce le fasce più deboli della nostra popolazione, e della necessità di fronteggiarla con forti interventi, ai nostri politici – si legge nella nota ufficiale – chiediamo di saper guardare non solo all’immediato, ma anche e soprattutto al futuro. Il futuro che tutti chiediamo è quello di un mondo più sano, più vivo e più vivibile, un mondo più giusto”.

Tags

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati