IniziativeItalia

Biennale Cinema 2021: la neutralità carbonica tra gli obiettivi della 78^ Mostra internazionale

La Biennale di Venezia continua a mantenere alta l’attenzione sulle grandi sfide del nostro tempo. Dopo il forte segnale dato alla Biennale Architettura 2021, che ha proposto nuovi concetti di spazio e di modi di vivere sensibili alla crisi climatica, al nostro debito con il Pianeta e alle diseguaglianze sociali ed economiche, la Biennale Cinema 2021 pone tra i suoi obiettivi anche il contrasto al cambiamento climatico.

La 78ma Mostra d’Arte Cinematografica si svolgerà dall’1 all’11 settembre al Lido di Venezia con un programma molto ricco: 73 lungometraggi della sezione ufficiale, di cui 21 titoli in corsa per il Leone d’oro, 18 cortometraggi ma anche serie Tv e Virtual Reality.

Come osservato dal Direttore Alberto Barbera, il programma di questa 78.a Mostra è “la prova della straordinaria vitalità del cinema contemporaneo. Lungi dall’essere stato messo al tappeto dal Coronavirus e dalla rivoluzione tecnologica destinata a cambiare radicalmente le regole del gioco con le quali abbiamo convissuto per tutto il suo primo secolo di vita, il cinema continuerà a stupire, meravigliare, coinvolgere e commuovere“.

E all’insegna della vita e del rispetto per il Pianeta, la Biennale di Venezia intende impegnarsi in modo attivo e concreto nella sfida epocale del contrasto al cambiamento climatico e della transizione ecologica, verso un sistema più sostenibile che raggiunga risultati duraturi nel tempo. Per questo motivo è stato avviato un “Carbon Management Plan”, ovvero un percorso di neutralità carbonica delle attività della Biennale, che sarà applicato proprio a partire dalla 78. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica. A seguire il progetto verrà portato avanti per tutte le attività e iniziative della Biennale di Venezia.

Per raggiungere l’obiettivo della neutralità carbonica della Biennale Cinema 2021, la prima attività in programma riguarda la misurazione della totalità delle emissioni di gas a effetto serra associate al ciclo di vita dell’evento e successivamente la compensazione, diretta e indiretta di questi.

Il progetto aderisce allo standard metodologico per la neutralità carbonica PAS2060 del British Standard Institution, che implica il controllo, la gestione e il monitoraggio efficiente delle emissioni di carbonio. Il tutto verrà monitorato da un ente internazionale esterno ed indipendente, il RINA, che verificherà step by step la rispondenza ai requisiti dello standard e si occuperà di certificare il raggiungimento dell’obiettivo finale.

E se “guardiamo al futuro del cinema con rinnovata fiducia e interesse” come ricorda il Direttore Barbera, la Biennale di Venezia prosegue il suo percorso verso il futuro delle grandi manifestazioni con sensibilità e attenzione verso la salute del Pianeta.

Leggi anche:

Le sfide di Venezia sono le sfide del Mondo. Storie di resilienza

Biennale Architettura: nuovi concetti di spazio per rispondere alle grandi sfide globali

Natura cyber punk, scelte radicali e creatività per esplorare il mondo delle possibilità. La proposta del Padiglione Italia per la Biennale Architettura 2021

I 21 lungometraggi in concorso per il Leone d’Oro, sono MADRES PARALELAS, film di apertura della kermesse, di PEDRO ALMODÓVAR, MONA LISA AND THE BLOOD MOON di ANA LILY AMIRPOUR, UN AUTRE MONDE di STÉPHANE BRIZÉ, THE POWER OF THE DOG di JANE CAMPION, AMERICA LATINA di DAMIANO D’INNOCENZO e FABIO D’INNOCENZO, L’ÉVÉNEMENT di AUDREY DIWAN, COMPETENCIA OFICIAL di GASTÓN DUPRAT e MARIANO COHN, IL BUCO di MICHELANGELO FRAMMARTINO, SUNDOWN di MICHEL FRANCO, ILLUSIONS PERDUES di XAVIER GIANNOLI, THE LOST DAUGHTER di MAGGIE GYLLENHAAL, SPENCER di PABLO LARRAÍN, FREAKS OUT di GABRIELE MAINETTI, QUI RIDO IO di MARIO MARTONE, ON THE JOB: THE MISSING 8 di ERIK MATTI, LEAVE NO TRACES di JAN P. MATUSZYŃSKI, CAPTAIN VOLKONOGOV ESCAPED di NATASHA MERKULOVA e ALEKSEY CHUPOV, THE CARD COUNTER di PAUL SCHRADER, È STATA LA MANO DI DIO di PAOLO SORRENTINO, REFLECTION di VALENTYN VASYANOVYCH e LA CAJA di LORENZO VIGAS.

“Sguardi a confronto”. Immagine del manifesto ufficiale firmata da Lorenzo Mattotti – La Biennale di Venezia FOTO ASAC

Elisabetta Ruffolo

Nata a Milano, classe 1989. E' responsabile di produzione e coordinatrice delle attività di divulgazione scientifica in ambito televisivo e radiofonico di Meteo Expert. E' responsabile editoriale dei contenuti di IconaClima. Studia Gestione e Comunicazione della sostenibilità all'Alta scuola per l'Ambiente dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, dove sta sviluppando un paper scientifico sulla Sostenibilità del Giornalismo. E' iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Laureata in Economia & Management Pubblico presso la facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Milano, ha concluso il suo percorso accademico con un elaborato in diritto dell'economia su "La normativa europea sull'equity crowdfunding: problemi e prospettive".

Articoli correlati

Back to top button