MeteoTerritorio

Freddo sull’Italia, l’allarme di Coldiretti: in pericolo i raccolti e le api

Dopo un inverno con caldo record, la primavera si apre con un'ondata di freddo di portata eccezionale. «Siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici», osserva la Coldiretti

Dopo un inverno praticamente assente, in questa prima settimana di primavera l’Italia si trova a fare i conti con un’ondata di freddo particolarmente intensa, che rappresenta un pericolo molto serio per chi dipende dall’agricoltura.

Leggi anche:

Clima, febbraio 2020 tra i più caldi di sempre: tutti i dati

Il caldo fuori stagione che abbiamo vissuto nei mesi invernali «ha stravolto completamente i normali cicli colturali e accelerato il risveglio vegetativo delle produzioni, con fioriture anticipate nei frutteti che ora – mette in guardia la Coldiretti – rischiano di essere compromesse dal brusco abbassamento delle temperature».

Il freddo anomalo di questi giorni rappresenta un pericolo anche per «le primizie dell’orto arrivate in anticipo – osserva Coldiretti -, dai carciofi agli asparagi, alle fragole, dalle fave alle zucchine». E l’ondata di gelo non minaccia solo i vegetali: «è allarme anche per 50 miliardi di api presenti sul territorio nazionale che sono state ingannate dal caldo e sono uscite dagli alveari presenti per ricominciare il loro prezioso lavoro di bottinatura ed impollinazione».

Ora il rischio è che il ritorno del freddo possa far gelare i fiori e anche far morire parte delle api, dopo una delle peggiori annate per la produzione di miele in Italia.

Leggi anche:

Risveglio gelido sull’Italia: valori sottozero come in pieno inverno

Dal caldo anomalo a un freddo eccezionale: dietro ci sono i cambiamenti climatici

Eventi atmosferici eccezionali sono ormai la norma, osserva la Coldiretti: «siamo di fronte alle evidenti conseguenze dei cambiamenti climatici anche in Italia». Sempre più frequenti, infatti, «manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi». Il prezzo è altissimo: in dieci anni si stimano danni per oltre 14 miliardi di euro, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Quando il ghiaccio protegge dal freddo: le immagini impressionanti dell’irrigazione anti-brina

In previsione delle gelate che stanotte hanno colpito le campagne italiane, molti agricoltori hanno applicato l’irrigazione anti-brina: attivando gli impianti di irrigazione hanno favorito la formazione di uno spesso strato di ghiaccio sui fiori e sui germogli degli alberi da frutta, in modo da impedire che l’aria gelida li danneggiasse in modo ancora più grave.

Alle prime ore del mattino, lo spettacolo era davvero insolito. Ecco le immagini condivise dall’Azienda ortofrutticola Tavano Clemente e Fongione Fabiola, in provincia di Udine:

Antibrina su frutteti…

Pubblicato da Azienda ortofrutticola Tavano Clemente e Fongione Fabiola su Martedì 24 marzo 2020

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati