EsteroNotizie MondoTerritorioVideo

Pechino, enorme tempesta di sabbia e livelli di smog assurdi! [FOTO e VIDEO]

Una tempesta di sabbia proveniente dalla Mongolia ha colorato di arancione i cieli della Cina settentrionale: a Pechino le misurazioni della qualità dell'aria sono fuori classifica

Pechino è stata avvolta da un’enorme tempesta di sabbia che ha portato i livelli di smog fuori classifica. L’indice di qualità dell’aria di Pechino, secondo i dati di AQICN, sta facendo registrare una lettura di 999, classificato come «pericoloso».

smog pechino
Crediti: aqicn

La tempesta di sabbia, che potrebbe essere la più grande almeno degli ultimi dieci anni, è arrivata dalla Mongolia. I cieli di Pechino si sono colorati di arancione, con paesaggi apocalittici, grossi problemi alla visibilità e inquinamento ben oltre il limite. L’agenzia meteorologica cinese ha emesso un bollettino di allerta gialla per la tempesta di sabbia, che soffierà su gran parte della Cina settentrionale e della Mongolia interna.

Weather China

Pechino, lo smog già elevato si combina con la tempesta di sabbia: allerta per la salute dei cittadini

A Pechino l’inquinamento già elevato si è combinato con la massiccia tempesta di sabbia proveniente dalla Mongolia, restituendo misurazioni della qualità dell’aria completamente fuori classifica.

Quando l’ indice di qualità dell’aria in tempo reale di Pechino ha mostrato una lettura di 999 – si legge sul Guardian -, Tokyo ne ha registrati 42, Sydney 17 e New York 26. Le vicine Hong Kong e Taiwan hanno registrato rispettivamente 66 e 87. I livelli di PM2,5 sono stati registrati sopra i 600 microgrammi in molte zone della città mentre le particelle più grandi di PM10 hanno superato gli 8.000 microgrammi secondo i media statali.

Sempre secondo i media statali, risultano oltre 300 dispersi in Mongolia mentre alcuni cittadini dell’ovest della Cina hanno riferito di essersi svegliati con la sensazione di non riuscire a respirare. Le tempeste di sabbia in questo periodo dell’anno sono relativamente comuni in Cina, ma molti residenti riferiscono di non ricordarne di così gravi negli ultimi anni.

Le tempeste di sabbia trovano un alleato anche nella deforestazione su larga scala. Proprio per questo Pechino ha cercato di ripristinare l’ecologia della regione piantando un grande muro verde di alberi al fine di limitare la quantità di sabbia che viene soffiata nella capitale. Inoltre ha cercato di creare corridoi d’aria che incanalano il vento, permettendo alla sabbia e ad altri inquinanti di circolare più velocemente.

Leggi anche:

FÖHN a Milano: ma da dove arriva?

Il Pianeta sta diventando davvero più verde? Il “global greening” e il caso studio del Sahel

INVERNO protagonista nella settimana dell’EQUINOZIO! FREDDO intenso e NEVE a bassa quota

Gli aggiornamenti di IconaClima:

Riforma della PAC, altolà dei Verdi: è una “eco truffa”

Le piante si stanno «riprogrammando» per rispondere ai cambiamenti climatici, con conseguenze che riguardano anche noi

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button