ClimaRisk ManagementTerritorio

I cambiamenti climatici stanno influendo sulle alluvioni che si verificano in Europa

Per la prima volta sono stati analizzati dati relativi agli ultimi 500 anni: le notizie non sono buone

L’Europa sta già facendo i conti con gli effetti dei cambiamenti climatici: la conferma arriva da un recente studio che ha preso in analisi in particolare i fenomeni legati alle alluvioni.

Lo studio è stato condotto dall’esperto austriaco Günter Blöschl, che ha guidato un team internazionale coinvolgendo in totale 34 gruppi di ricerca nell’analisi dei dati relativi addirittura agli ultimi 500 anni. I risultati lasciano poco spazio ai dubbi: in mezzo millennio, gli ultimi 30 anni sono stati tra i periodi in cui si sono registrate più alluvioni.

Non è cambiato solo il numero di questi fenomeni estremi, ma anche altri elementi: la ricerca ha evidenziato, per esempio, che le alluvioni che hanno colpito l’Europa nell’ultimo periodo sono state più estese in molti luoghi. È cambiato anche il rapporto tra questo tipo di eventi e le temperature. Mentre in passato si registravano alluvioni soprattutto nei mesi più freddi dell’anno, oggi il riscaldamento globale ha cambiato radicalmente le cose.
«Il nostro studio mostra per la prima volta che i meccanismi [che regolano i fenomeni alluvionali, ndr] sono cambiati», ha sottolineato il professor Blöschl: «in passato le alluvioni si verificavano più frequentemente con condizioni fredde, ora è il contrario».

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Marco Florio (@floriomarco70) on

I ricercatori hanno analizzato decine di migliaia di documenti storici sulle alluvioni che si sono verificate in tutta Europa dal 1500 in poi, confermando anche i risultati di un altro studio che recentemente aveva denunciato un aumento delle alluvioni negli ultimi 20 anni.

Gli effetti dei cambiamenti climatici non si fermeranno: fondamentale la gestione del rischio

Studi di questo tipo sono fondamentali non solo per comprendere meglio quello che sta accadendo intorno a noi, ma anche per far emergere l’importanza di organizzarsi al meglio per gestire i rischi a cui andiamo incontro. È la prima volta che uno studio analizza in modo così dettagliato le informazioni relative alle alluvioni che si sono registrate in un intero continente in un periodo storico così lungo: offrendo dati più precisi, i ricercatori  ci forniscono informazioni importantissime per valutare i rischi che siamo destinati ad affrontare. Come ha sottolineato il professor Blöschl, «a prescindere dagli sforzi che compiremo per mitigare i cambiamenti climatici, dovremo sicuramente affrontarne gli effetti nei prossimi decenni». È di importanza vitale che la gestione del rischio si adatti, bene e in fretta, a questa nuova realtà.

Leggi anche:

Maltempo, l’Italia piange le vittime di un clima sempre più estremo

Clima, settembre 2020 è stato il più caldo degli ultimi 141 anni

Artico, ghiacci marini in sofferenza: nuovo record minimo a metà ottobre

Valeria Capettini

Laurea triennale in Lettere e magistrale in Comunicazione, dal 2021 sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. La crisi climatica avanza, con conseguenze estremamente gravi sull’economia, sui diritti e sulla vita stessa delle persone. Un'informazione corretta, approfondita e affidabile è più che mai necessaria.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie