ClimaTerritorio

Foresta Amazzonica al collasso, rischiamo di perderla entro 43 anni

Di questo passo, entro il 2064 gran parte della Foresta Amazzonica si trasformerà in savana: a quel punto sarà impossibile tornare indietro

Che la Foresta Amazzonica fosse a rischio era piuttosto chiaro, ma forse è la prima volta che l’allarme arriva così forte e inequivocabile. Un nuovo studio ha infatti indicato una data entro cui la foresta amazzonica rischia di scomparire: abbiamo meno di 45 anni.
Entro il 2064, infatti, gran parte di questo ricco e prezioso ecosistema potrebbe trasformarsi in una immensa e arida savana. A quel punto, avvertono gli scienziati, sarebbe impossibile tornare indietro. L’allarme arriva da uno studio apparso sulla scientifica Environment – Science and Policy for Sustainable Development.

Come spiega l’autore Robert Troovey Walker, docente di geologia presso l’Università della Florida, la colpa è ovviamente dell’uomo, e in particolare dello sviluppo, della deforestazione e della crisi climatica. Il ricercatore ha esaminato gli studi più recenti e ha sottolineato come l’accelerazione dello sviluppo delle nazioni di questa zona stia impoverendo la foresta, spingendola verso un punto di non ritorno.

amazzonia incendi foresta deforestazione amazzonica
Incendi in Amazzonia. Foto: Greenpeace

Devastata dal disboscamento e dagli incendi, infatti, la foresta amazzonica sta già registrando stagioni secche più lunghe e intense della norma. Secondo i ricercatori, quando la foresta fa fronte a siccità estreme, la sua “chioma” necessita di circa 4 anni per riprendersi: in un contesto in cui i periodi siccitosi sono sempre più frequenti e intensi questo diventa impossibile. Di questo passo, avvertono gli scienziati, grandi porzioni della foresta amazzonica sono destinati a trasformarsi in un’immensa savana: a quel punto sarà impossibile tornare indietro.

Leggi anche:

Amazzonia, siamo tutti coinvolti: dalla foresta devastata arriva anche la nostra carne

Deforestazione: in 13 anni persi altri 43 milioni di ettari. Il report WWF [VIDEO]

Gli oceani non sono mai stati così caldi, conseguenze gravi anche per i fenomeni meteo estremi

 

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie