Clima

La crisi climatica condiziona una delle scelte più importanti: avere figli o non averne

Un'indagine ha preso in considerazione una delle scelte considerabili tra le più importanti nella vita di un individuo, ovvero quella di decidere se avere figli o non averne. Più del 90% degli intervistati ha espresso molta preoccupazione

Saranno le future generazioni a pagare il prezzo più alto della crisi climatica. Questa presa di coscienza sta portando molte persone a considerare il cambiamento climatico come un elemento da tenere in considerazione nelle scelte che riguardano il presente e non più solo il futuro. Un’indagine ha preso in considerazione una delle scelte considerabili tra le più importanti nella vita di un individuo, ovvero quella di decidere se avere figli o non averne. Il primo studio empirico Eco-reproductive concerns in the age of climate changesi basa su un’indagine quantitativa e qualitativa su un campione di 607 americani di età compresa tra i 27 e i 45 anni. 

Il 96,5% degli intervistati si è dichiarato “molto” o “estremamente preoccupato” per il benessere dei propri figli esistenti, attesi o ipotetici in un mondo in cui dovranno affrontare una crisi climatica. Gli intervistati più giovani sono i più preoccupati per gli impatti che il cambiamento climatico potrebbe avere sulle vite dei loro figli rispetto agli intervistati più anziani, segno di una crescente preoccupazione per gli impatti del cambiamento climatico nelle generazioni più giovani.

Una percentuale minore, pari al 59,8% degli intervistati ha dichiarato di essere “molto” o “estremamente preoccupato” per l’impronta di carbonio che verrebbe emessa da nuovi individui.

Lo studio ha indicato che le paure legate crisi climatica per i futuri figli, sono radicate in una visione del futuro profondamente pessimistica. Dei 400 intervistati che hanno dato indicazione della propria visione del futuro, il 92,3% è negativo, il 5,6% neutro e solo lo 0,6% positivo.

Oltre alla preoccupazione sul futuro che lasceremmo a dei potenziali figli, cresce l’ansia correlata alle problematiche ambientali ed ecologiche, soprattutto tra bambini e adolescenti. A Settembre 2020, l’NHS (il sistema sanitario nazionale del Regno Unito) ha sottoposto un questionario a psichiatri infantili e adolescenziali, chiedendo se nell’ultimo anno avessero visto pazienti che angosciati per questioni ambientali ed ecologiche. Tra gli psichiatri infantili e adolescenziali in Inghilterra, il 57,3% (47 degli 82 che hanno risposto) ha risposto affermativamente. Questo  risultato è maggiore di quasi 10 punti rispetto agli intervistati che trattano pazienti di tutte le fasce d’età (47,9%).

 

Leggi anche:

Siamo ancora capaci di costruirci un futuro?

Anziani e case di riposo, esposti anche al clima che cambia. Come proteggere la popolazione vulnerabile

 

Elisabetta Ruffolo

Nata a Milano, classe 1989. E' responsabile di produzione e coordinatrice delle attività di divulgazione scientifica in ambito televisivo e radiofonico di Meteo Expert. E' responsabile editoriale dei contenuti di IconaClima. Studia Gestione e Comunicazione della sostenibilità all'Alta scuola per l'Ambiente dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, dove sta sviluppando un paper scientifico sulla Sostenibilità del Giornalismo. E' iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Laureata in Economia & Management Pubblico presso la facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Milano, ha concluso il suo percorso accademico con un elaborato in diritto dell'economia su "La normativa europea sull'equity crowdfunding: problemi e prospettive".

Articoli correlati

Back to top button