ClimaIniziative

Trattato globale di non proliferazione dei combustibili fossili: la mossa dell’OMS

L’Organizzazione Mondiale della Sanità insieme a quasi 200 altre associazioni sanitarie hanno lanciato un appello senza precedenti per arrivare al più presto a un trattato globale di non proliferazione dei combustibili fossili.

Questa campagna ha come obiettivo lo stop all’esplorazione e alla produzione di combustibili fossili e ha ottenuto un ampio sostegno dal Dalai Lama e da altri 100 premi Nobel, dal Vaticano, da oltre 1.000 operatori sanitari e da quasi 3.000 scienziati e accademici.

L’iniziativa vuole imitare i successi del trattato di non proliferazione delle armi nucleari, firmato nel 1968, che ha in qualche misura limitato la diffusione delle armi e della tecnologia atomica.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’Associazione Pediatrica Internazionale, l’Associazione Medica Mondiale, l’Alleanza degli Infermieri per un Ambiente Sano e la Federazione Mondiale delle Associazioni di Sanità Pubblica sono tra gli oltre 192 firmatari di questo appello che chiede ai governi di definire un piano globale vincolante per eliminare gradualmente l’uso di combustibili fossili.

“La moderna dipendenza dai combustibili fossili non è solo un atto di vandalismo ambientale. Dal punto di vista sanitario, è un atto di auto-sabotaggio”, ha affermato il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Paragonabile alla Convenzione quadro sul controllo del tabacco, il proposto Trattato di non proliferazione dei combustibili fossili dovrebbe configurarsi come un accordo internazionale per controllare una categoria di sostanze notoriamente dannose per la salute umana: carbone, petrolio e gas.

I rischi per la salute associati alla combustione di questi fossili sono numerosi e presentano gravi minacce per la salute umana e del pianeta. Diversi altri settori hanno chiesto un trattato del genere, comprese città e organizzazioni religiose in tutto il mondo. La lettera è stata redatta dall’Alleanza globale per il clima e la salute e dai medici per la responsabilità sociale con il supporto dell’Organizzazione mondiale della sanità, il gruppo di lavoro dell’OMS-Società civile sul clima, la salute e l’assistenza sanitaria senza danni.

Impedire la proliferazione dei combustibili fossili

Secondo le Nazioni Unite il mondo è sulla buona strada per produrre più del doppio di carbone, petrolio e gas entro il 2030 rispetto a quanto è coerente con la limitazione dell’aumento della temperatura globale al di sotto di 1,5°C.È necessaria la fine immediata dell’esplorazione e dell’espansione in nuove riserve per prevenire la proliferazione di combustibili fossili non necessari e incombustibili, per proteggere i lavoratori, le comunità e gli investimenti dall’abbandono e per evitare di bloccare il mondo in uno sconvolgimento climatico catastrofico e irreversibile.

Eliminare gradualmente la produzione esistente di combustibili fossili in linea con l’obiettivo climatico globale di 1,5°C

I giacimenti di petrolio e gas e le miniere di carbone del mondo contengono abbastanza carbonio per spingere il mondo oltre i limiti di temperatura dell’Accordo di Parigi. L’eliminazione graduale della produzione di combustibili fossili deve iniziare regolando l’approvvigionamento di combustibili fossili, limitando l’estrazione, rimuovendo i sussidi alla produzione, smantellando le infrastrutture non necessarie, difendendo i diritti delle popolazioni indigene e delle comunità colpite e spostando il sostegno verso alternative più sicure, al fine di allineare l’offerta di combustibili fossili con gli obiettivi dell’accordo di Parigi. I paesi ricchi sono quelli con la capacità di guidare e sostenere questa graduale eliminazione dei combustibili fossili.

Soluzioni reali rapide e una transizione giusta per ogni lavoratore, comunità e paese

La portata della sfida richiede un’azione collettiva urgente. Una transizione pacifica e giusta richiede un percorso chiaro e un piano proattivo per consentire la diversificazione economica, implementare l’energia rinnovabile e altre soluzioni affidabili e convenienti a basse emissioni di carbonio e sostenere ogni lavoratore, comunità e paese. Possiamo sviluppare intenzionalmente nuovi modi per soddisfare i nostri bisogni o perdere la finestra di opportunità per garantire un clima sicuro, un’economia sana e un futuro sostenibile.

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie