ClimaEstero

Ondata di gelo Usa: effetto “contro-intuitivo” del surriscaldamento dell’Artico?

L’aumento della frequenza delle incursioni gelide nel Nord America è un sintomo del riscaldamento nell'Artico che si sta verificando a un ritmo vertiginoso

Negare il riscaldamento globale ad ogni ondata di gelo è un classico “argomento” di chi non conosce nemmeno la differenza tra meteo e clima. Purtroppo questo strafalcione è finito anche sulla bocca e sui potenti mezzi social di politici nostrani e sulle prime pagine di qualche quotidiano. Anche un ex presidente Usa non ha mai mancato di esternare questa perla di ignoranza ad ogni irruzione di aria gelida nel suolo statunitense.

Proprio la situazione di gelo eccezionale che sta colpendo gli Stati Uniti e anche molti Paesi europei nei giorni scorsi, ci spinge non tanto a smentire questa castroneria, ma a cercare di approfondire il legame “contro-intuitivo” tra queste situazioni di freddo eccezionale e il riscaldamento globale in atto.

Solo poche ore fa la World Meteorological Organization ha voluto pubblicare la mappa delle anomalie termiche in atto sulla Terra, giusto per rimarcare che sì, negli Stati Uniti il freddo è davvero estremo ma che tante altre zone del mondo nello stesso momento stanno sperimentano anomalie positive altrettanto evidenti.

Gelo estremo negli Usa e riscaldamento globale: un legame c’è

Intervistato dal Guardian, Judah Cohen, climatologo del Mit e direttore delle previsioni stagionali presso l’Atmospheric and Environmental Research, cita il suo studio, da coautore, sull’aumento della frequenza delle tempeste invernali nel nord-est degli Stati Uniti tra il 2008 e il 2018. In questa ricerca viene messo in luce il legame tra l’anomalo riscaldamento dell’Artico con la discesa di aria gelida dal Polo Nord a latitudini molto basse, fino addirittura al confine tra Stati Uniti e Messico.

Il riscaldamento nell’Artico ha enormi ripercussioni a livello globale

L’aumento della frequenza di queste incursioni gelide nel Nord America è, secondo Cohen, un sintomo del riscaldamento nell’Artico che si sta verificando a un ritmo più che doppio rispetto alla media e che sta sconvolgendo sistemi climatici consolidati. Sebbene le conseguenze di ciò non siano completamente state comprese, sta diventando evidente che molti degli eventi meteorologici estremi del mondo sono strettamente legati all’Artico e alle sue anomalie.

Nel caso dell’ondata di freddo del Texas, il fenomeno è iniziato nella prima settimana di gennaio, quando l’aria nella stratosfera sopra l’Artico si è riscaldata improvvisamente. Ciò ha creato una reazione a catena atmosferica che ha indebolito il vortice polare permettendo l’irruzione del gelo estremo nelle regioni più temperate dell’Asia, dell’Europa e del Nord America.

Gli effetti del rapido riscaldamento dell’Artico e della perdita di ghiaccio è un argomento di ricerca attiva ed è oggetto di un vivace dibattito scientifico. Un riscaldamento artico sproporzionato – e il conseguente indebolimento del gradiente di temperatura verso i poli – sta facendo sì che la circolazione dell’emisfero settentrionale assuma un carattere più meridionale (cioè più ondulato), sebbene non uniforme nello spazio o in base alla stagione. Questi cambiamenti nella circolazione causano un aumento della frequenza di eventi meteorologici estremi come l’ondata di gelo in atto negli Stati Uniti.

Judith Jaquet

Mi sono laureata con lode in Letterature straniere, indirizzo in Scienze della Comunicazione, con una Tesi in Linguistica generale, presso l'Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano. Sono iscritta all'Ordine dei Giornalisti della Lombardia (Albo dei professionisti) dal 2008, dopo aver frequentato il Master in Giornalismo Campus Multimedia dello Iulm. Lavoro nella redazione di Meteo Expert dal 2011 e mi occupo della gestione dei contenuti editoriali sul web e sui social network. Conduco le rubriche di previsioni meteo in onda sui canali Mediaset e sulle principali radio nazionali.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie