Economia e FinanzaEuropaPoliticheTemperature

Clima tra i temi chiave al Forum di Davos. Von der Leyen: accelerare sulle rinnovabili

Oggi a Davos l'intervento della Presidente della Commissione Europea. Focus su Russia, clima ed energia

In questi giorni le persone più ricche e quelle più potenti del mondo sono a Davos, una cittadina della Svizzera, per l’incontro annuale del World Economic Forum. L’evento quest’anno è tornato a svolgersi in presenza per la prima volta dall’inizio della pandemia, riunendo politici, personaggi famosi e imprenditori delle aziende più grandi e influenti del mondo per parlare di società ed economia. Il Forum di Davos si è aperto domenica 22 maggio, anche se i lavori sono iniziati effettivamente nella giornata di lunedì, e si chiuderà venerdì 26.

Gli interventi sono tutti raggruppati in 8 temi chiave. Oltre agli argomenti legati all’economia, a Davos si parla anche di questioni come la salute e i diritti, la cooperazione internazionale e il clima.

davos world economic forum
World Economic Forum/Pascal Bitz

L’intervento di von der Leyen: accelerare sulle rinnovabili, «trampolino di lancio» per neutralità climatica e indipendenza dalla Russia

Tra gli interventi più attesi della giornata di martedì c’è stato quello di Ursula von der Leyen. In un lungo discorso la presidente della Commissione Europea si è focalizzata principalmente sulla guerra scatenata in Ucraina dalla Russia e sulla transizione ecologica.

L’aumento dei prezzi dell’energia è una diretta conseguenza «dell’imperdonabile guerra di Putin», ha detto von der Leyen, che ha accusato Mosca di voler aumentare la pressione sull’Europa tagliando la fornitura di gas ad alcuni Paesi. Ma «questo comportamento e questa guerra- avverte – hanno avuto il solo esito di rafforzare la volontà europea di liberarsi dalla dipendenza dai combustibili fossili russi, in fretta».
«Il clima non può aspettare, ma adesso anche le motivazioni geopolitiche sono evidenti».

L’Europa ha già impostato la rotta verso la neutralità climatica, ha detto la Presidente, sottolineando che «il Green Deal europeo è già ambizioso, ma dobbiamo portare l’ambizione su un altro livello».
Von der Leyen ha quindi illustrato il nuovo programma annunciato di recente dalla Commissione Europea, RePower EU: sul piatto investimenti per 300 miliardi di euro per superare la dipendenza energetica da Mosca e accelerare sulla transizione verde.

«L’energia rinnovabile è il nostro trampolino di lancio verso l’azzeramento delle emissioni nette di anidride carbonica. È un bene per il clima, ma è un bene anche per la nostra indipendenza e sicurezza energetica».

L’intervento di Ursula von der Leyen a Davos per il World Economic Forum

La Presidente della Commissione Europea, tuttavia, nel suo intervento ha sottolineato che anche la transizione ecologica comporta la dipendenza da risorse che l’Europa non ha a disposizione. È il caso ad esempio del litio per le batterie, o dei metalli necessari ala realizzazione dei chip. «Per molti di questi materiali dipendiamo da altri Paesi, quindi dobbiamo evitare di cadere nella stessa trappola in cui siamo finiti con petrolio e gas» ha avvertito von der Leyen: «dobbiamo assicurare la resilienza delle nostre catene di fornitura».
La soluzione, spiega, è in partnership solide e affidabili. E l’Europa sta lavorando a queste alleanze, assicura: «insieme possiamo creare interdipendenze più bilanciate».

Non solo CO2: un taglio netto del metano potrebbe evitare il peggioramento della crisi climatica

L’Australia vota per il clima e dà una lezione a tutto il mondo

Meno ore di sonno a causa del caldo: cosa succederà in futuro con la crisi climatica?

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Dal 2021 sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. La crisi climatica avanza, con conseguenze estremamente gravi sull’economia, sulla sicurezza e sulla vita stessa di un numero sempre maggiore di persone. Un'informazione corretta, approfondita e affidabile è più che mai necessaria.

Articoli correlati

Back to top button