Notizie MondoPoliticheTemperature

Emissioni, ci sono novità sull’impegno degli USA

L'obiettivo di riduzione delle emissioni degli Stati Uniti avrebbe dovuto essere reso noto durante il Summit indetto da Joe Biden, al via domani, ma sono trapelate informazioni importanti

Era atteso per domani l’annuncio degli Stati Uniti relativo ai propri obiettivi di riduzione delle emissioni, che avrebbero dovuti essere resi noti in occasione della Giornata Mondiale della Terra, nonché giorno dell’apertura del summit sul Clima organizzato dallo stesso Biden.

Ma nelle ultime ore sono trapelate alcune informazioni, e secondo due fonti del Washington Post il presidente Joe Biden si impegnerà a ridurre le emissioni di gas serra degli Stati Uniti almeno della metà, entro il 2030, rispetto ai valori del 2005.
Quanto trapelato conferma le voci che giravano da tempo circa l’impegno degli USA, nonché le anticipazioni secondo cui, con una virata più che decisa rispetto all’amministrazione precedente, sotto la guida di Biden la Casa Bianca avrebbe puntato in alto.
L’ambizione di Washington avrebbe un valore duplice: oltre a determinare ovviamente un calo delle emissioni degli USA, importante di per sé, Biden punta anche a porsi come un esempio per il resto del mondo, e anche nella convocazione del summit aveva già esortato i partecipanti – 40 i leader mondiali invitati – a presentarsi con obiettivi più ambiziosi.

E certamente è ambizioso il target di riduzione delle emissioni degli Stati Uniti, che quando nel 2015 firmarono l’Accordo di Parigi sul Clima con Barack Obama aveva assunto l’impegno di ridurle tra il 26 e il 28 per cento rispetto ai livelli del 2005. Quasi un raddoppio, dunque.
Un funzionario della Casa Bianca ha sottolineato che «non è stata presa una decisione finale», riporta il Washington Post, e di conseguenza non si può escludere che domani ci siano dei colpi di scena.

Come ha fatto notare l’esperto di governance sul clima Jacopo Bencini in una recente intervista rilasciata a IconaClima, al di là dell’ambizione USA nella riduzione delle emissioni un passo estremamente importante nel contrasto alla crisi climatica è già stato fatto da Biden, che convocando il summit previsto per la Giornata della Terra ha fatto riferimento all’obiettivo di mantenere il riscaldamento globale entro +1,5°C rispetto all’era preindustriale.
«Questa è la vera rivoluzione politica di Biden rispetto all’amministrazione precedente», ha commentato Bencini: a questo link trovate l’intervista, in cui si è parlato anche di altri aspetti molto importanti del summit.

Può interessarti anche:

Stati Uniti e Cina si impegnano a «cooperare per affrontare la crisi climatica»

Clima, accordo raggiunto: la Ue ridurrà le emissioni di almeno il 55% entro il 2030 

Le ultime notizie di IconaClima:

Le società finanziarie dovranno segnalare il proprio impatto sul clima: l’inedita legge della Nuova Zelanda

Giornata Mondiale della Terra, tre giorni di eventi a sostegno del clima: il programma

A68, cosa è successo all’ex iceberg più grande del mondo e perché se ne parla tanto

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button