Clima e mercati finanziariPoliticheTemperature

Le società finanziarie dovranno segnalare il proprio impatto sul clima: l’inedita legge della Nuova Zelanda

Il ministro per i Cambiamenti Climatici ha spiegato che anche il mondo della finanza deve fare la sua parte: «questa legge metterà i rischi climatici e la resilienza al centro del processo decisionale»

Il clima riguarda tutto, compresa la finanza. Se questo è sempre più evidente in tutto il mondo, è la Nuova Zelanda a confermarsi ancora una volta particolarmente all’avanguardia in questo senso. Guidato da Jacinda Ardern, il Paese è il primo a portare avanti una legge che obblighi le società del mondo della finanza a dichiarare in modo trasparente l’impatto che le proprie operazioni hanno sul clima.

«Non possiamo arrivare a zero emissioni nette di carbonio entro il 2050», ha commentato in una nota il Ministro per i Cambiamenti Climatici James Shaw, se anche il settore della finanza non fa i conti con l’impatto «che stanno avendo i suoi investimenti sul clima». «Questa legge – ha aggiunto – metterà i rischi climatici e la resilienza al centro del processo decisionale finanziario e aziendale».

Il disegno di legge è stato presentato al Parlamento della Nuova Zelanda: dopo che sarà approvato, si prevede che le prime segnalazioni delle aziende arrivino a partire dal 2023. Secondo quanto ha riferito il governo nei mesi scorsi, chi non sarà in grado di dichiarare il proprio impatto sarà tenuto a spiegare le ragioni.

La premier Jacinda Ardern, che nello scorso autunno è tornata alla guida del Paese portando a casa la più grande vittoria elettorale che il suo partito abbia visto in mezzo secolo, ha già portato avanti diverse politiche volte a ridurre le emissioni, tra cui la promessa di rendere il settore pubblico a emissioni zero entro il 2025, e in questo periodo è impegnata anche in una battaglia contro il fumo di sigaretta, che punta a vietare per chiunque sia nato dopo il 2004 per creare una generazione smoke-free.

Leggi anche:

Le grotte: un patrimonio tanto fragile quanto insostituibile per lo studio dei cambiamenti climatici, della biodiversità e dell’uomo

Super-tifone Surigae: i cambiamenti climatici all’origine della sua intensificazione così rapida

Stati Uniti e Cina si impegnano a «cooperare per affrontare la crisi climatica»

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Dal 2021 sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. La crisi climatica avanza, con conseguenze estremamente gravi sull’economia, sulla sicurezza e sulla vita stessa di un numero sempre maggiore di persone. Un'informazione corretta, approfondita e affidabile è più che mai necessaria.

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie