Notizie MondoPolitiche

Niente voli nazionali se si può usare il treno: cosa cambia in Francia

L'Assemblée Nationale recepisce così una raccomandazione della Convenzione dei Cittadini sul Clima, ma il risultato è una "versione annacquata": sono stati cancellati solo i voli che possono essere sostituiti con un viaggio in treno di 2 ore e mezza al massimo

Dopo la decisione della Svezia, dove in base all’inquinamento prodotto un aereo dovrà pagare più tasse aeroportuali, anche la Francia affronta la questione dell’impatto ambientale dei voli. Nell’ambito di alcune nuove misure in ambito climatico e ambientale, infatti, i cugini d’Oltralpe hanno deciso di cancellare i voli nazionali per le tratte che possono essere percorse con un treno diretto in meno di due ore e mezza.

Il divieto è stato adottato dopo un dibattito che ha acceso l’Assemblée Nationale per tutto il fine settimana, ma secondo molti osservatori rappresenta solo una “versione annacquata” di una raccomandazione emersa dalla Convenzione dei Cittadini sul Clima, composta da 150 cittadini francesi estratti a sorte. La convenzione sul clima, voluta dallo stesso Macron, aveva infatti chiesto di contrastare l’inquinamento cancellando tutti i voli in cui fosse possibile sostituire l’aereo con un viaggio in treno diretto di meno di 4 ore. Dopo le contestazioni di alcune regioni e di Air France – KLM questo vincolo è stato ridotto a due ore e mezza, tagliando di fatto solo i voli interni particolarmente brevi, come quelli che collegavano l’aeroporto parigino di Orly con Nantes e Bordaux.

Un altro divieto volto a contrastare l’inquinamento e le emissioni generate da questo settore ha colpito le pubblicità effettuate mediante l’utilizzo dell’aereo. Si tratta di un metodo che era ancora piuttosto diffuso oltralpe, dove per esempio le spiagge della Costa Azzurra venivano sorvolate più volte al giorno da piccoli aerei che trinavano striscioni pubblicitari.

Leggi anche:

Francia, decine di migliaia in piazza contro la Legge sul Clima: «serve più ambizione» [VIDEO]

Il Giappone ha deciso di riversare nell’oceano l’acqua contaminata della centrale nucleare di Fukushima: cosa succede e perché molti sono contrari

In Svezia le tasse aeroportuali saranno più alte per gli aerei più inquinanti

 

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button