ClimaIniziativeNotizie MondoTerritorio

Miami rinuncia alle sue iconiche palme: servono alberi che facciano più ombra e assorbano più CO2

Tra le maggiori città del mondo che stanno già facendo i conti con gli impatti più violenti dei cambiamenti climatici c’è la statunitense Miami, sferzata da uragani sempre più intensi e violenti e minacciata dall’innalzamento del livello del mare.

Le comunità costiere sono minacciate da un innalzamento del mare 4 volte maggiore del previsto

Aumento del livello medio dei mari: crescita vertiginosa di oltre 20 cm in meno di 150 anni. Le stime future

Nuovo record, la stagione degli uragani 2020 è la più intensa della storia

Come succede praticamente ovunque, i cambiamenti climatici si stanno traducendo anche in un clima sempre più caldo e ondate di calore sempre più intense. Un fenomeno che nelle grandi città è reso ancora più estremo dalla cosiddetta “isola di calore urbana“: il climatologo Lorenzo Danieli ne ha parlato in questi interessanti approfondimenti:

Isola di calore urbana, perché in città fa più caldo? Le cause del fenomeno

L’isola di calore urbana ha conseguenze molto serie, ma può essere mitigata

I cambiamenti climatici, insomma, sono già in atto e i loro effetti sono già evidenti. Oltre a contrastarli per evitare un riscaldamento ancora più intenso, è necessario adattarsi agli impatti che dobbiamo già affrontare. Per questo Miami ha deciso di rinunciare alle sue iconiche palme: il Miami Herald ha riferito che l’amministrazione della città ha programmato un piano trentennale che, entro il 2050, porterà ad avere una quantità di palme più che dimezzata rispetto a quella attuale. Attualmente le piante che appartengono alla famiglia delle palme rappresentano oltre il 55 per cento degli alberi di Miami, ed entro il 2050 si punta a scendere fino alla soglia del 25 per cento.

cambiamenti climatici miami
Unsplash/Juan Rojas

Come fa sapere il giornale, il taglio è stato programmato per aumentare la percentuale di piante che garantiscano più ombra e siano in grado di assorbire maggiori quantità di CO2, migliorando la qualità dell’aria. La direttrice per l’ambiente e la sostenibilità di Miami Beach ha garantito che la riduzione della percentuale di palme non sarà perseguita attraverso un “abbattimento di massa”: numerose palme saranno rimosse, ma nei prossimi due decenni verranno anche piantati circa 1.300 alberi da ombra, come querce, frassini e olmi.

Le notizie di IconaClima

Biodiversità urbana: la fragile convivenza tra uomo e animali selvatici in città

Le Alpi sono sempre meno bianche: i dati

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button