ClimaTemperature

Maggio 2020 è stato il più caldo degli ultimi 141 anni, a livello globale: i dati

Maggio 2020 ha eguagliato il record che era stato registrato nel 2016: a livello globale si è registrata un'anomalia di quasi un grado

Quello del 2020 è stato il mese di maggio più caldo degli ultimi 141 anni, a pari merito con quello del 2016: la conferma arriva dalla NOAA, la National Oceanic and Atmosphere Administration degli Stati Uniti, che ha pubblicato il report sul clima che si è registrato in tutto il mondo.

A livello globale, nel maggio 2020 la temperatura della superficie terrestre e oceanica è stata superiore alla media di 0,95 gradi: un’anomalia davvero notevole, che colloca quello di quest’anno al primo posto tra i mesi di maggio più caldi mai registrati, a pari merito con quello del 2016.

Ancora una volta questi dati confermano il trend verso un clima sempre più caldo: i 10 mesi di maggio più caldi sono stati registrati tutti negli ultimi 22 anni, e i sette più roventi in assoluto si collocano tutti negli ultimi 7 anni, tra il 2014 e il 2020. Il maggio 2020 ha fatto registrare anche il 44esimo mese di maggio consecutivo (e il 425° mese) con temperature superiori alla media del Ventesimo secolo.

maggio 2020 temperatura
Fonte: NOAA National Centers for Environmental Information, State of the Climate: Global Climate Report for May 2020

In gran parte del globo la temperatura è stata oltre alla media: le anomalie più notevoli sono state registrate su parti dell’Asia settentrionale e sud-orientale, dell’Africa settentrionale, dell’Alaska, degli Stati Uniti e sull’Oceano Pacifico settentrionale, dove le temperature erano 1,5 ° C  al di sopra della media 1981–2010 o anche oltre. Sono stati osservati anche valori sotto la media, in diverse zone del pianeta: in particolare è stato un maggio più freddo del solito in buona parte del Canada, sull’est degli Stati Uniti, sull’Europa orientale e in Australia.

Il maggio 2020 ha fatto registrare un caldo record in diverse zone dell’Atlantico, del Pacifico e dell’Oceano indiano, nonché in parti dell’Europa occidentale, dell’America centrale e meridionale, dell’Africa e dell’Asia. Secondo le stime della NOAA, in tutto il mondo il 7,55% delle superfici terrestri e oceaniche ha avuto una temperatura record.

In particolare, un’ondata di caldo di portata storica ha colpito l’Europa sud-orientale poco dopo la metà del mese, tra il 16 e il 19 maggio, frantumando numerosi record precedenti.

L’Italia ha registrato un nuovo record di caldo per il mese di maggio, quando la stazione di Palermo Punta Raisi ha fatto segnare 39,9 gradi. Caldo record anche in Grecia, dove sono stati raggiunti i 41,8 gradi e in Turchia (44,5°C).

È stato un maggio rovente in Spagna, dove mediamente la temperatura è stata addirittura di 2,7 gradi oltre la media: un dato che colloca quello del 2020 al primo posto tra i mesi di maggio più caldi della storia spagnola. La Francia ha vissuto quest’anno il quinto mese di maggio più caldo da almeno 121 anni, con una temperatura che a livello nazionale è stata superiore alla media di 1,5 gradi.

Leggi anche:

La Primavera 2020 è stata la seconda più calda mai registrata sul Pianeta

Maggio 2020: per l’Italia un mese molto caldo e secco

Pioggia abbondante a giugno: in una decina di giorni ne è arrivata più di quella tipica dell’intero mese

Solstizio, notti bianche e sole di mezzanotte. L’inizio dell’estate astronomica

Scandinavia rovente: a Rovaniemi fa più caldo che a Milano e Roma

Tags

Valeria Capettini

Sono nata a Milano nel 1991 e sono da sempre appassionata di giornalismo e scrittura. Dal 2016 lavoro con Meteo Expert, un’esperienza che mi ha insegnato tanto e che mi ha permesso di avvicinarmi all’affascinante mondo della meteorologia e della climatologia, offrendomi l’eccezionale opportunità di lavorare fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. Dopo essermi diplomata al liceo classico, nel 2014 mi sono laureata in Lettere moderne con una tesi sul Giornalismo e sul ruolo dei social media in questo mondo. Nel 2017 mi sono laureata in Comunicazione per l’impresa, i media e le organizzazioni complesse con una tesi sulla brand personality.

Articoli correlati