EuropaNotizie MondoTerritorio

La strategia dell’Europa per proteggere la biodiversità

Il Parlamento Europeo dà il via libera alla Strategia dell'UE sulla biodiversità per il 2030: la palla ora passa alla Commissione

Il valore della natura e della biodiversità sembra essere sempre più chiaro all’Europa. Sono elementi da cui dipendono la nostra salute, la nostra economia e in molti casi la nostra stessa sopravvivenza, e Bruxelles si sta muovendo per proteggerli: nei giorni scorsi il Parlamento Europeo ha approvato a grande maggioranza la Strategia sulla biodiversità. Lo scopo è quello di proteggere non solo la fauna selvatica ma anche le persone, avverte l’Europa. Tra le misure più importanti previste dalla strategia ci sono obiettivi per la biodiversità urbana, interventi urgenti per contrastare la riduzione del numero di api e altri impollinatori e una nuova soglia minima di aree protette, che per il 2030 dovranno coprire il 30 per cento della superficie terrestre e marina dell’Unione.

«La natura è in declino su scala globale a un ritmo senza precedenti», avverte il Parlamento europeo. E snocciola dati che parlano da soli: delle circa 8 milioni di specie esistenti, un milione è a rischio estinzione.

Nel passare la palla alla Commissione, gli europarlamentari hanno arricchito il testo di numerose raccomandazioni e respinto gli emendamenti che minacciavano di scardinare le soglie i tutela. Secondo loro è necessario che la nuova strategia dell’Europa affronti «in modo adeguato» le cinque principali criticità che minacciano la nostra natura:
– i cambiamenti climatici
– i cambiamenti nello sfruttamento del suolo e del mare
– lo sfruttamento diretto degli organismi
l’inquinamento
– le specie aliene invasive

Secondo i deputati serve la mobilitazione di 20 miliardi di euro all’anno da destinare all’azione a favore della biodiversità in Europa, e a livello globale è necessario quello che descrivono come un “accordo di Parigi” sulla biodiversità, da stipulare in occasione della conferenza dell’ONU in programma per ottobre 2021, durante la quale saranno stabilite le priorità globali in materia di biodiversità per il 2030 e oltre.

biodiversità
Crediti Pexels

Le aree protette dovranno coprire il 30% della superficie terrestre e marina dell’Unione Europea

Il testo approvato dall’Europarlamento chiede che diventi area protetta almeno il 30% della superficie terrestre e marina dell’UE entro il 2030.

Protezione della fauna selvatica

«Non ci deve essere alcun deterioramento delle tendenze di conservazioni – avvertono i deputati – e occorre raggiungere uno stato di conservazione favorevole per tutte le specie protette e gli habitat entro il 2030». L’UE dovrebbe anche porsi come leader nella lotta al commercio di specie minacciate di estinzione e delle loro parti.

Biodiversità nelle aree urbane

Il Parlamento sostiene l’istituzione di una piattaforma europea per l’inverdimento urbano, insieme a obiettivi vincolanti sulla biodiversità nelle città, quali una percentuale minima di tetti verdi sui nuovi edifici e il divieto di uso di pesticidi chimici.

Api e altri impollinatori

I deputati hanno chiesto che venga rivista con urgenza l’iniziativa UE a favore degli insetti impollinatori, «affinché includa un ambizioso quadro europeo di monitoraggio degli impollinatori, con obiettivi e indicatori chiari per contrastare il declino di questi insetti, fondamentali per l’ambiente e la sicurezza alimentare». Sarà fondamentale ridurre l’utilizzo di pesticidi, e come sottolinea l’Europarlamento questo richiederà che gli agricoltori possano contare su «soluzioni di protezione sicure delle colture per l’ambiente».

Leggi anche:

Biodiversità: il fragilissimo valore che regge il Pianeta

Biodiversità urbana: la fragile convivenza tra uomo e animali selvatici in città

Allarme biodiversità in Italia, Legambiente: «A rischio 12 specie, anche i delfini»

Le ultime notizie:

Clima: il G7 punto di svolta o elenco di buoni propositi? Le dichiarazioni finali

Agricoltura e crisi climatica: un quarto dei raccolti globali a rischio se non si adotteranno strategie di adattamento

L’impatto della crisi climatica sull’economia rischia di essere due volte più violento di quello del Covid-19 per i Paesi del G7

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie