EsteroTerritorio

Yemen, tra emergenza umanitaria e crisi climatica, perso patrimonio UNESCO

Le case nella Città Vecchia di Sana'a, Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO, stanno crollando a causa delle forti piogge

Nell’ottobre del 1970 Pier Palo Pasolini si trovava nella città di Sana’a, nello Yemen, per le riprese del film “Il Decameron”, proprio in quell’occasione, registrò “Le mura di Sana’a” un film documentario con il quale si appellò all’UNESCO per tutelare la città Vecchia. L’appello di Pasolini fu accolto e, nel 1986, per le sue preziose testimonianze artistiche, la città vecchia di Sana’a fu dichiarata patrimonio dell’umanità. Qui Pasolini tornò nel 1974 per le riprese di parte del film “Il fiore delle Mille e una notte”.

Questi brevi cenni cinematografici per far trasparire come la città di Sana’a possieda un inestimabile valore artistico culturale sia per lo Yemen che per il mondo intero. E’ situata al centro di un vasto altopiano, è cinta da mura e con tipici palazzi yemeniti a più piani, oggi questi palazzi costruiti con mattoni di fango marroni e bianchi, stanno crollando a causa delle forti piogge anomale che stanno colpendo la zona.

Guarda i VIDEO su IconaMeteo: Yemen, piogge torrenziali distruggono anche patrimonio UNESCO

Circa 5.000 degli edifici imponenti della città vecchia hanno tetti pericolanti e 111 hanno tetti parzialmente crollati, le piogge eccezionalmente abbondanti di quest’anno, iniziate a metà aprile, si sono aggiunte a quella che l’ONU descrive come la peggiore crisi umanitaria del mondo.

Le caratteristiche case in mattoni di fango marroni e bianchi dei quartieri storici di Sana’a, che risalgono a prima dell’XI secolo, sono state a lungo minacciate da conflitti e abbandono. Nello Yemen si consuma una delle peggiori crisi umanitarie al mondo con circa 24 milioni di persone che necessitano di assistenza umanitaria e protezione. Il paese è scenario di una guerra civile che dura da 5 anni. La pandemia COVID-19 ha solo peggiorato le cose, con un tasso di mortalità nello Yemen tra i più alti al mondo, inoltre le forti piogge hanno favorito la diffusione di malattie come il colera, la febbre dengue e la malaria.

Secondo i media locali, le piogge torrenziali e le inondazioni nello Yemen hanno già ucciso 20 persone, provocato migliaia di sfollati e distrutto centinaia di case e fattorie in tutto il paese dilaniato dalla guerra. L’ufficio locale del ministero della Salute a Marib, la provincia yemenita più colpita, ha detto che 17 persone, tra cui otto bambini, sono morte a causa del maltempo negli ultimi giorni e che gli ospedali sono stati messi in allarme. Un territorio provato da guerra, pandemia e da fenomeni meteo anomali ed estremi che riportano ad immagini di distruzione simili a quelle dei conflitti che colpiscono ormai da anni lo Yemen.

Elisabetta Ruffolo

Nata a Milano, classe 1989, laureata in Economia & Management Pubblico presso la facoltà di Scienze Politiche dell'Università degli Studi di Milano, conclude il suo percorso accademico con un elaborato in diritto dell'economia su "La normativa europea sull'equity crowdfunding: problemi e prospettive". Approda a Meteo Expert nel 2016 dove si occupa di coordinare le attività di divulgazione scientifica in ambito televisivo e radiofonico, per le quali è responsabile di produzione. E' responsabile editoriale dei contenuti di IconaClima e IconaMeteo. Studia gestione e comunicazione della sostenibilità presso l'Alta scuola per l'Ambiente dell'Università Cattolica del Sacro Cuore.

Articoli correlati