Notizie Italia

Meteo, nuovo maltempo! Neve sulle Alpi, anche a quote basse: ecco dove

La tregua dal maltempo sta per terminare: nel corso della giornata odierna (venerdì) la prima perturbazione del mese raggiungerà l'Italia e nel weekend interesserà molte regioni

La scena meteo, dopo una breve tregua, sta per cambiare nuovamente con l’arrivo nella giornata odierna (venerdì 2 dicembre) della prima perturbazione del mese che nel weekend interesserà molte delle nostre regioni. Dunque piogge diffuse ma anche neve sulle Alpi e sull’Appennino ligure, inizialmente sul Piemonte meridionale anche a quote relativamente basse (600-700 metri) ma in progressivo rialzo. Sabato e domenica inoltre si intensificheranno nuovamente i venti, perlopiù di Scirocco al Centro-Sud dove si profila un rialzo delle temperature. Nel corso della giornata di domenica il maltempo tenderà ad attenuarsi con fenomeni via via sempre meno diffusi e intensi.

Le previsioni meteo per le prossime ore

Il cielo si presenterà nuvoloso sulla maggior parte delle regioni Al mattino qualche isolata pioggia possibile sulla Sardegna nordorientale, sulla bassa Campania e sulle Venezie; leggere nevicate sulle Alpi nordorientali sopra 800 m circa. Nel pomeriggio sporadiche nevicate nelle Alpi centrali, piogge sparse nel Lazio, Campania e bassa Toscana; occasionali rovesci sulla Sicilia meridionale. In serata le piogge si estendono a gran parte del Centro; qualche piovasco anche nell’est della Sicilia, sulla Calabria ionica e nel Golfo di Taranto; precipitazioni isolate molto deboli su Piemonte e Lombardia nordoccidentale.

Temperature minime in rialzo al Nord, in calo al Sud; massime in leggero calo al Nord, in aumento sulle regioni meridionali e in Sardegna.
Venti sulle isole maggiori, sui mari circostanti e sul mar Tirreno da deboli a moderati sud orientali; in prevalenza deboli altrove. Dalla sera si intensifica la Tramontana in Liguria e lo Scirocco sul mare Ionio.
Mari in generale poco mossi al mattino; nel corso del giorno moto ondoso in aumento nei mari di ponente, fino a molto mossi nel Ligure occidentale, nel canale di Sicilia e sul Tirreno ad est della Sardegna.

Controlla qui le previsioni meteo nel dettaglio per il tuo comune

Le previsioni meteo per domani, sabato 3 dicembre

Cielo molto nuvoloso o coperto al Centro-Nord e in Puglia con piogge sparse, anche moderate su Piemonte, Liguria, regioni centrali tirreniche e Puglia meridionale. Neve anche moderata oltre i 600-900 metri sui rilievi di Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta; nevicate deboli e isolate sulle Alpi centro orientali. Nuvolosità sparsa anche nel resto d’Italia ma meno diffusa e insistente alternata a maggiori schiarite; nubi associate a qualche pioggia in Campania e Basilicata e rischio di rovesci o temporali tra Calabria e Sicilia.

Temperature senza grandi variazioni al Nord con minime all’alba sopra lo zero; in generale crescita al Centro-Sud sia nei valori del primo mattino che del pomeriggio.
Venti intensi di Tramontana in Liguria, da tesi a forti di Scirocco sul Mar Tirreno, sulla Sicilia, sul Mar Ionio, sul Salento e sul medio-basso Adriatico.
Mari mossi o molto mossi, fino ad agitati il Mar Ligure occidentale e il Canale di Sicilia.

Le previsioni per domenica 4 dicembre

Cielo molto nuvoloso o coperto al Nord e regioni tirreniche con piogge sparse: più diffuse e a tratti moderate nella prima parte della giornata quando saranno anche possibili intensi rovesci o temporali su basso Lazio, Campania e Salento; neve sulle Alpi oltre 1000-1400 metri. Tra il mattino e il pomeriggio graduale attenuazione dei fenomeni. Sul medio Adriatico, nel resto del Sud, in Sicilia e in Sardegna tempo in prevalenza soleggiato con pochi annuvolamenti di rilievo.

Temperature in generale rialzo sia nei valori notturni che pomeridiani; minime all’alba abbondantemente sopra lo zero, anche nelle regioni settentrionali. Massime pomeridiane intorno ai 10 gradi al Nord, fino a 18-20 gradi in Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.
Venti inizialmente forti da sud o di Scirocco in Adriatico, Puglia meridionale e Ionio in graduale indebolimento ad iniziare dal medio e alto Adriatico; venti di Libeccio fino a moderati nel Tirreno e sulle due Isole maggiori; Tramontana in attenuazione in Liguria.
Mari mossi o molto mossi, fino ad agitati l’Adriatico, il Canale d’Otranto e lo Ionio.

Le notizie di IconaClima:

2022 anno record per l’Italia: potrebbe diventare il più caldo e siccitoso degli ultimi 64 anni

In India si lotta per far rivivere le città costiere devastate dai cambiamenti climatici

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie