Ghiacci

La calotta artica perde ogni anno una superficie di ghiaccio grande come Lazio e Lombardia

Rispetto a 42 anni fa manca all'appello un'area grande come l'Alaska

La calotta artica nell’ultimo decennio ha perso ogni anno una superficie più grande di Lazio e Lombardia messe insieme. Considerando l’estensione raggiunta nel mese di gennaio 2020, infatti, la calotta di ghiaccio ha perso il 3,15% della sua superficie ogni decennio, ad un ritmo di 45.400 chilometri quadrati ogni anno. Negli ultimi 42 anni di rilevamenti satellitari l’Artico ha perso in tutto 1.86 milioni di chilometri quadrati nei mesi di gennaio, più o meno quanto l’Alaska. Questi i dati allarmanti che arrivano dal bollettino mensile del National Snow and Ice Data Center.

Crediti National Snow and Ice Data Center

Il mese di gennaio di quest’anno, nonostante tutto, si è chiuso fortunatamente senza infamia e senza lode. L’estensione dell’ultimo mese si è piazzata al nono posto tra quelle più contenute registrate a gennaio, con una media di 13.65 milioni di chilometri quadrati. La calotta è rimasta al di sotto della media (1981-2010) di 770 mila chilometri quadrati.

Il ghiaccio ha guadagnato “terreno” durante il freddo mese di gennaio ad un ritmo di 45 mila chilometri quadrati ogni giorno e ora si appresta a raggiungere il picco massimo annuale, per poi rimpicciolirsi di nuovo con l’arrivo dei mesi più caldi.

Leggi anche: Iceberg più grande del mondo presto alla deriva sull’Oceano Atlantico

Tags

Silvia Turci

Ho conseguito una laurea specialistica in Comunicazione per l’Impresa, i media e le organizzazioni complesse all’Università Cattolica di Milano. Il mio percorso accademico si basa però sullo studio approfondito delle lingue straniere, nello specifico del francese, inglese e russo, culminato con una laurea triennale in Esperto linguistico d’Impresa. Sono arrivata a Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995) nel 2014 e da allora sono entrata in contatto con la meteorologia e le scienze del clima: una continua scoperta che mi ha fatto appassionare ogni giorno di più al mio lavoro.

Articoli correlati