Notizie MondoTemperatureTerritorio

Antartide: le piante crescono più in fretta a causa della crisi climatica, lo rivela uno studio italiano

In Antartide le piante stanno crescendo ad un ritmo più sostenuto a causa della crisi climatica: a rivelarlo è uno studio realizzato da ricercatori italiani dell’Università dell’Insubria. I ricercatori avevano già osservato una accelerazione della crescita delle piante a causa del riscaldamento globale nell’emisfero settentrionale. E oggi, arrivano evidenze di questo cambiamento anche dall’Antartide.

Antartide, a gennaio la seconda estensione dei ghiacci più bassa degli ultimi 44 anni

Antartide, ghiacciaio collassa in 24 ore per un forte episodio di Foehn

Nicoletta Cannone, professore associato del Dipartimento di Scienza e Alta Tecnologia dell’Università dell’Insubria, insieme ai colleghi , e , della British Antarctic Survey, ha studiato e misurato la crescita delle due piante native dell’Antartide, la Deschampsia antarctica e la Colobanthus quitensis, nel decennio 2009-2019 in diversi siti sulla Signy Island, piccola isola subantartica nelle Isole Orcadi meridionali.

I risultati delle misurazioni sono quindi stati confrontati con quelle effettuate nei 50 anni precedenti. I risultati mostrano un chiaro aumento non solo del numero di piante, ma anche della velocità di crescita. Anno dopo anno, mentre il clima cambiava, la crescita è stata più veloce.

antartide
La mappa della distribuzione delle specie D. antarctica eC. quitensis tra il 1960 e il 2018. Acceleration of climate warming and plant dynamics in Antarctica © 2022 Elsevier Inc.

Secondo lo studio la Deschampsia antarctica nell’ultimo decennio è cresciuta tanto quanto nei 50 anni precedenti (1960-2009), mentre la Colobanthus quitensis è cresciuta sette volte più velocemente rispetto allo stesso periodo. Inoltre l’aumento delle temperature può favorire la crescita di specie aliene e destabilizzare l’equilibrio dell’ecosistema locale e la biodiversità.

Le cause alla base di questa tendenza possono essere tante, incluso il calo della popolazione di foche, ma il nesso con la crisi climatica è evidente, ha dichiarato Nicoletta Cannone. «Se estrapoliamo quello che è stato osservato sulla Signy Island, può verificarsi un processo simile in altri siti – ha detto Cannone -. Questo significa che il paesaggio antartico e la biodiversità di questo continente può cambiare in fretta».

Leggi anche:

Approvato in Cina l’editing del genoma in agricoltura per aumentare i raccolti e la loro resistenza ai cambiamenti climatici

Overshoot Day 2022: Qatar e Lussemburgo con la peggiore impronta ecologica

La circolazione atmosferica risente della perdita del ghiaccio marino nell’Artico

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie