IniziativeTemperature

Fridays For Future, annunciata la data del prossimo sciopero globale per il clima

Gli attivisti di Fridays For Future sono pronti a scendere in piazza in tutto il mondo. In Italia, avvertono, le decisioni prese finora per il Recovery Plan stanno andando nella direzione sbagliata

Gli attivisti di Fridays For Future hanno annunciato la data del primo sciopero globale per il clima del 2021, che si terrà il 19 marzo. «Nel mezzo delle crisi sanitaria, sociale ed economica che il mondo continua ad affrontare all’inizio dell’anno nuovo – denunciano gli attivisti -, le persone al potere stanno continuando  a tradire le giovani generazioni, le azioni necessarie a contrastare la crisi climatica sono ancora un miraggio, la salute e  l’istruzione sono lasciate da parte per garantire i profitti di pochi.

Con lo sciopero globale Fridays For Future chiede ai leader mondiali «azioni immediate, concrete, e in linea con i più accurati studi scientifici, in risposta alla crisi climatica che stiamo vivendo».

Il 2020 è stato l’anno più caldo di sempre: i dati

Caldo e tasso di mortalità: nelle città pesa anche il contesto sociale

Scoperto legame fra ondate di freddo estremo e cambiamenti climatici

Usa, nel 2020 record di catastrofi meteo-climatiche “da 1 miliardo di dollari

Gli attivisti sottolineano che «i disastri meteorologici e climatici hanno colpito fin troppi paesi già l’anno scorso, dagli incendi che hanno afflitto parti dell’Australia, del Nord America e L’America Latina, agli uragani e inondazioni mai visti in Africa, alle tempeste che hanno devastato l’America Centrale e il Sudest asiatico, come anche gran parte dell’Italia. Non servono a niente obiettivi di riduzione delle emissioni lontani nel tempo se non sono seguiti da azioni concrete oggi».

fridays for future
Crediti: Fridays For Future

Da Fridays For Future l’appello a un utilizzo intelligente e consapevole dei fondi di Next Generation Eu: il Recovery Plan sia usato per contrastare la crisi climatica e garantire un futuro ai giovani

Lo scorso dicembre Fridays for Future ha lanciato la campagna “Non Fossilizziamoci” per un Recovery plan che sia in grado di contrastare la crisi climatica e di garantire un futuro ai giovani.  «A parte qualche investimento isolato positivo – avvertono gli attivisti -, le decisioni prese vanno ancora nella direzione sbagliata».

L’Italia continua a erogare sussidi ai combustibili fossili e in varie zone del paese stanno per sorgere nuove infrastrutture per il gas fossile. Questi progetti renderebbero impossibile rispettare l’accordo di Parigi sul clima, che in pratica significa arrendersi alla catastrofe senza neanche provare a fermarla. I fondi del Next Generation Eu rischiano di finire alle aziende e alle attività più inquinanti come le grandi opere inutili, e sono ampiamente insufficienti per settori come quello dell’energia rinnovabile.

Fridays For Future

 

Leggi anche:

Clima, il 2021 sarà un anno di appuntamenti cruciali

Milano si prepara alla transizione ambientale: presentato ai cittadini il Piano Aria e Clima

Foresta Amazzonica al collasso, rischiamo di perderla entro 43 anni

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere moderne per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert, allora conosciuto come Centro Epson Meteo: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore.

Articoli correlati

Back to top button