Notizie MondoPoliticheVerso la Cop27

G7, il vertice sul clima tra decarbonizzazione e sete di petrolio

Ci sono notizie positive per la decarbonizzazione e i finanziamenti alle fonti fossili, ma per le tempistiche dello stop al carbone arriva una fumata nera. Intanto, si chiede di produrre più petrolio

I ministri dei Paesi del G7 si sono incontrati a Berlino per affrontare le questioni più urgenti del momento relative al clima, all’ambiente, e anche all’energia.

Il meeting del G7 su clima ed energia arriva in un momento particolarmente delicato e difficile. Nonostante ci siano dei passi avanti verso le rinnovabili, nel breve termine la reazione alla crisi energetica esacerbata dalla guerra della Russia in Ucraina sta coincidendo troppo spesso con la ricerca di nuovi fornitori di fonti fossili. Diversificare le fonti di energia e accelerare lo sviluppo delle rinnovabili sono tra i punti chiave identificati dalla Presidenza tedesca del G7, e in queste giornate i Ministri sono stati chiamati a dare una risposta alle necessità relative all’energia senza venire meno agli impegni presi sul fronte del clima.

Secondo quanto è stato stabilito nel 2015 con l’Accordo di Parigi – e confermato poi anche alla Conferenza sul Clima di Glasgow nello scorso novembre – le nazioni si sono impegnate a fare il possibile per mantenere l’aumento della temperatura media globale “ben sotto i 2 gradi” di riscaldamento rispetto all’era pre-industriale, con l’obiettivo più ambizioso di non superare 1.5°C. Di fatto, però, secondo gli esperti nessuno dei Paesi del G7 ha finora adottato politiche in linea con gli obiettivi sul clima.

Il Meeting di Berlino ha fatto registrare passi avanti promettenti sul fronte della riduzione delle emissioni, sia per quanto riguarda la decarbonizzazione che nei finanziamenti alle fonti fossili.
C’è delusione, tuttavia, per il mancato accordo relativo a una scadenza entro cui abbandonare definitivamente il carbone. Il comunicato finale del summit riporta inoltre un appello ai Paesi in cui si esortano ad aumentare la produzione di petrolio i Paesi che esportano il greggio, per far fronte all’impennata dei prezzi.

G7 clima, tra passi avanti e nodi da sciogliere

Decarbonizzazione

Il documento finale annuncia che i Paesi del G7 si impegnano a decarbonizzare la maggior parte dei trasporti su strada entro il 2030 e la maggior parte della produzione elettrica entro il 2035. Fissato al 2040 l’obiettivo per la decarbonizzazione del settore marittimo e dell’aviazione civile.
Per quanto riguarda la mobilità, i ministri hanno ribadito l’impegno a incentivare in modo significativo i mezzi di trasporto a basse o zero emissioni di carbonio, come «trasporti pubblici, ferrovie, mobilità condivisa, biciclette» e accelerare l’adozione dei veicoli elettrici.

Finanziamenti

I ministri di Energia e Clima del G7 hanno trovato un accorto per porre fine ai sussidi pubblici destinati alle centrali elettriche alimentate con combustibili fossili all’estero entro la fine del 2022. Il documento prevede tuttavia delle eccezioni, «in circostanze limitate» e «in linea con il limite di 1.5°C e con gli obiettivi previsti dall’Accordo di Parigi».
Dal comunicato emerge anche l’impegno a eliminare i «sussidi inefficienti alle fonti fossili entro il 2025». Quelli identificati come “inefficienti” sono i finanziamenti che influenzano il mercato ma non danno un supporto al tenore di vita delle popolazioni.

Addio al carbone, ma non si sa quando

Tra i punti su cui si è trovato un accordo c’è anche l’addio definitivo al carbone. I ministri hanno concordato di eliminarlo gradualmente dalle fonti di energia, ma non hanno ancora fissato una data.
Si tratta di un accordo decisamente meno ambizioso rispetto a quanto si fosse sperato nelle ultime ore, quando era trapelata una prima bozza che parlava di un phase out completo entro il 2030. L’agenzia Reuters riferisce che secondo le sue fonti sarebbero stati gli Stati Uniti e il Giappone a opporsi a tale scadenza.

Di petrolio, invece, ne vogliamo anche di più

Per far fronte all’aumento dei prezzi scatenato dalla guerra della Russia in Ucraina i ministri del G7 hanno inviato il gruppo OPEC – i paesi produttori di petrolio (Organization of the Petroleum Exporting Countries) – a pompare una quantità maggiore di greggio. Questo l’appello riportato nel comunicato finale del summit: «Chiediamo ai paesi produttori di petrolio e gas di agire in modo responsabile – hanno scritto i ministri – e di rispondere all’inasprimento dei mercati internazionali, rilevando che l’OPEC ha un ruolo chiave da svolgere».

Le ultime notizie:

Australia, le miniere di carbone nel Galilee Basin sono una “scelta politica, non economica”. Lo studio

Forum di Davos: arriva una nuova commissione globale sull’acqua

Valeria Capettini

Nata a Milano nel 1991, mi sono laureata in Lettere per poi conseguire una laurea magistrale in Comunicazione. Dal 2021 sono iscritta all'Albo dei Giornalisti della Lombardia. Nel 2016 sono entrata a far parte della squadra di Meteo Expert: un'esperienza che mi ha insegnato tanto e mi ha permesso di avvicinarmi al mondo della climatologia lavorando fianco a fianco con alcuni dei maggiori esperti italiani in questo settore. La crisi climatica avanza, con conseguenze estremamente gravi sull’economia, sulla sicurezza e sulla vita stessa di un numero sempre maggiore di persone. Un'informazione corretta, approfondita e affidabile è più che mai necessaria.

Articoli correlati

Back to top button