Meteo

Meteo, dominio a oltranza dell’alta pressione sull’Italia: quando cambierà questo scenario?

Per molti giorni ancora nebbie sulle pianure del Nord e smog nelle grandi città. Poi, però, arriverà una svolta

Per la vera svolta in questa lunga fase anticiclonica dovremo aspettare almeno una settimana. Prosegue infatti la stasi meteorologica con un  vasto campo di alta pressione che per molti giorni ancora occuperà più di mezza Europa, Italia compresa dove non sono quindi attese nell’immediato perturbazioni atlantiche in grado di riportare piogge o nevicate significative. Tale situazione favorirà un ulteriore peggioramento della qualità dell’aria con alti livelli di smog soprattutto nelle grandi città. La stabilità atmosferica favorirà anche la formazione di nebbie e di strati di nubi basse nelle zone pianeggianti del Nord a localmente nelle valli del Centro. In particolare, martedì migliora all’estremo Sud con ampi rasserenamenti. Cielo grigio e nuvoloso  in Liguria, Pianura Padana, alto Adriatico e Toscana settentrionale con qualche locale pioggia possibile tra Liguria centro-orientale e nordovest della Toscana. Attenzione alle nebbie o foschie sulla pianura padana orientale e lungo la fascia costiera adriatica. Nel resto d’Italia giornata soleggiata con cieli sereni o poco nuvolosi, salvo banchi di nebbia mattutini tra Toscana orientale e Umbria. Venti per lo più deboli o del tutto assenti, con qualche moderato rinforzo soltanto nel Mar Ligure e tra basso Ionio e Canale di Sicilia. Temperature senza variazioni di rilievo: minime intorno allo zero al Nord, massime in linea con le medie stagionali. Mercoledì giornata grigia e nuvolosa in Liguria, su Pianura Padana, fascia costiera dell’alto Adriatico fino al nord delle Marche, e nel nord-ovest della Toscana. Qualche locale pioviggine tra Liguria e nord-ovest della Toscana. Nel resto d’Italia prevalenza di tempo soleggiato. Da segnalare qualche annuvolamento irregolare su Puglia, Calabria, Sardegna e Sicilia. Nel primo mattino possibili banchi di nebbia tra Toscana e Umbria. Venti moderati settentrionali su basso Adriatico, Salento e Ionio. Moderati rinforzi da sud tra il mare di Sardegna e il mare di Corsica. Temperature in lieve aumento al Nord, senza grandi variazioni nel resto d’Italia. Anche giovedì e venerdì proseguirà la fase di stasi meteorologica: avremo ancora nebbie e strati di nubi basse nelle zone pianeggianti del Nord a localmente nelle valli del Centro. Le temperature sulle Alpi faranno registrare valori di diversi gradi al di sopra della norma con la quota dello zero termico che si attesterà mediamente intorno ai 2000 metri, fino a sfiorare i 3000 nella giornata di mercoledì. Un cambiamento della circolazione atmosferica appena descritta potrebbe profilarsi tra sabato 18 e lunedì 20 gennaio. Si tratta però di una tendenza che mostra ancora molte incertezze e andrà quindi verificata nei prossimi aggiornamenti.

 

Tags

Anna Maria Girelli Consolaro

Giornalista e conduttrice televisiva, Anna Maria dal febbraio 2010 lavora per Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995). Sin dall’infanzia è profondamente interessata e attratta da tutto quel che riguarda la natura e l’ambiente. Per questo, tra le sue grandi passioni, ci sono gli sport all’aria aperta e i viaggi. La sua attività giornalistica è sempre stata dedicata al settore delle eccellenze italiane e, su questo tema, ha condotto oltre 20 trasmissioni televisive, di cui è stata anche autrice. Moderatrice di convegni e conduttrice di eventi, per circa dieci anni Anna Maria ha scritto sulle pagine venete del Corriere della Sera.

Articoli correlati