ItaliaNotizie Italia

Crisi energetica, le conseguenze anche sugli scaffali del supermercato: sparisce l’acqua frizzante

Diversi brand hanno già annunciato uno stop della produzione di acqua frizzante e altre bevande gassate: non si trova l'anidride carbonica. È una delle conseguenze della crisi energetica

Fin dall’inizio dell’estate i produttori avevano lanciato l’allarme dicendo che non si trovava più l’anidride carbonica necessaria a produrre acqua frizzante e le altre bibite gassate.

Alberto Bertone, presidente e amministratore delegato di Acqua Sant’Anna, già all’inizio di luglio aveva spiegato in un’intervista all’Ansa che la CO2 era «introvabile» e che anche tutti gli altri produttori erano nella stessa situazione. «Siamo disperati», ha detto il patron del produttore di acque oligominerali più grosso d’Europa. Acqua Sant’Anna è stata la prima a interrompere la produzione di acqua frizzante e di tutti i prodotti gassati, ma nell’ultimo periodo anche molti altri brand hanno annunciato lo stop.

Gli effetti iniziano a farsi vedere negli scaffali dei supermercati: sono sempre più numerosi i punti vendita che hanno esaurito le scorte di acqua frizzante. Le prime segnalazioni finora stanno arrivando soprattutto dal Nord Italia: Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto tra le prime regioni in cui sono apparsi gli scaffali vuoti. Gli stock, però, sembrano destinati a diminuire ovunque.

Per approfondire:

Il ruolo dell’energia nella mitigazione dei cambiamenti climatici: intervista a Stefano Caserini

Acqua frizzante, una crisi che nasce da quella energetica

Con l’impennata dei costi dell’energia, estrarre risorse diventa sempre più difficile. Tra le altre cose questo si ripercuote anche sulla produzione e l’estrazione di anidride carbonica, l’ingrediente che viene aggiunto all’acqua per renderla frizzante.
In seguito al calo della produzione, i fornitori hanno deciso di destinare la CO2 disponibile a usi prioritari rispetto alla produzione di bibite gassate, come quelli in ambito sanitario.

Le ultime notizie:

4 pesci alieni da conoscere e riconoscere: le linee guida per identificarli

I fulmini sono di gran lunga il fenomeno più pericoloso associato ai temporali: cosa fare per proteggersi

Redazione

Redazione giornalistica composta da esperti di clima e ambiente con competenze sviluppate negli anni, lavorando a stretto contatto con i meteorologi e i fisici in Meteo Expert (già conosciuto come Centro Epson Meteo dal 1995).

Articoli correlati

Back to top button
Abilita notifiche OK No grazie